L’APPUNTAMENTO! 4.5/5 (1)

10
128

La incontravo, bella ed elegante all’angolo sotto la mia casa, a guardare nervosa il suo orologio e le persone che passavano lì davanti, fino a quando una macchina, una di quelle che si compra solo perché si hanno molti soldi, si fermava appena il tempo per caricarla a bordo. Di sicuro erano incontri proibiti. I momenti dell’attesa erano gli attimi in cui entrambi erano vulnerabili e indifesi. A operazione avvenuta scattavano via sani e salvi nel buio della notte. Un appuntamento con la trasgressione ha sempre un suo fascino misterioso. Chissà chi era lei, una moglie infedele o una donna innamorata di un uomo sposato, una facile preda o una divoratrice di maturi signori inzuppati di soldi e di viagra. Anche quella sera di febbraio, salparono insieme dal solito promontorio sotto la mia casa, alla ricerca di un sicuro rifugio per vivere un poco del loro amore segreto. La notizia oggi è su tutti i giornali e la televisione locale è alla famelica ricerca di amici e conoscenti da intervistare.

= Un uomo sorprende la moglie nell’auto con il proprietario dell’azienda in cui lui è impiegato come contabile e li uccide entrambi a colpi di arma da fuoco. Dopo aver compiuto il massacro, si presenta volontariamente dai carabinieri per farsi arrestare =
Ai militari che lo prendono in consegna continua a ripetere, come una preghiera, la stessa frase:
“ Sono stato costretto a farlo . Erano le uniche persone di cui mi fidavo ciecamente e loro mi hanno tradito!”

Votalo!


CONDIVIDI
Articolo precedenteSoda, caustica
Articolo successivofatti incresciosi avvenuti nel paese natio di Gianni Morandi
Sono nato a Modica. Ex bancario, ex viaggiatore, ex fumatore, ex giocatore di carte, ex sommelier, ex appassionato di cravatte, ex allevatore di pesci tropicali, ex di tante altre cose oramai quasi del tutto dimenticate. Oggi sono solo un pensionato che ama leggere libri e scrivere piccoli racconti, ricordi ed emozioni della propria vita. Riesco in questo modo a tenere viva la mente, a viaggiare nel tempo e nello spazio, senza limiti, senza frontiere e senza prendere alcun mezzo di trasporto. Ho solo con me il mio vecchio computer di prima generazione che mi tiene compagnia e che è diventato il severo custode delle mie storie e delle mie fantasie. Siamo diventati amici inseparabili e forse anche qualcosa... di più!

10 COMMENTI

  1. Amo i racconti brevi (proprio brevi). Questo mi è piaciuto.
    Racchiude tutto in un fotogramma. Rende bene l’idea.

    • Grazie Cristina! qualcuno di recente ha definito la mia scrittura ” la sostenibile leggerezza della brevità !”

LASCIA UN COMMENTO