ORGASMO 4.33/5 (3)

5
130

Ci sono tanti luoghi in cui lo ha fatto o in cui le piacerebbe provarlo. Ogni tanto lascia che la mente divaghi, a tratti nei ricordi a tratti nelle fantasie.
Cinema, parcheggi, auto, aerei, ristoranti, spiagge, camerini, campi, laghi, mari, baite, alberghi, case deserte, case affollate…
Impercettibili spostamenti possono dar luogo ad eccitanti situazioni.
“Scusa, posso sedermi qui?”, e intanto mani avide di umori si inoltrano in territori proibiti che si fanno via via più disponibili ed invitanti. È così che può consumarsi un atto di grande piacere: gesti furtivi conducono il gioco, nascosti da più o meno futili conversazioni, celanti ansimi.
Ad una festa, musica e confusione coprono egregiamente i gemiti dell’amplesso, mentre china su un tavolo accoglie il membro che la penetra da dietro.

Spalanca la bocca all’eccitante pensiero di baciare leccare succhiare accogliere.
Il suo corpo scivola tra le lenzuola quasi fosse un natante che solca le acque o un serpente che si insinua tra la vegetazione. Spera di imbattersi in un ostacolo e che quell’ostacolo sia un altro corpo e che i due corpi insieme possano avvilupparsi eccitarsi strusciare compenetrarsi godere…
Il suo corpo scivola in un letto deserto ma la sua coscienza non lo sa: dorme. È così che nella mente comincia a proiettarsi un film. L’inconscio è libero di comunicare.
Nuove, o forse vecchie, immagini si alternano, si sovrappongono, si spintonano per accaparrarsi la scena.
Non sa più distinguere tra desiderio di novità e ricordo di piaceri vissuti.

Un membro, no! due… oh sì… due splendidi cazzi tutti per lei, eccitati da lei, vogliosi di lei. Uno in mano, uno in bocca… uno la penetra, uno le scivola tra i seni.
Mani che l’accarezzano, lingue che la lambiscono.
La sua lingua che si getta nella mischia, mentre gli orgasmi si susseguono.

I pensieri impazzano e la sua mano destra scende verso l’inguine, si sofferma sul pube senza inoltrarsi per prolungar la sensazione di calore, per incrementare i brividi di desiderio. Le dita della mano sinistra titillano un capezzolo.
Un gemito rotola dalla gola alle labbra, quelle labbra semiaperte nell’illusione d’esser colmate.
Ora è prona e i turgidi capezzoli strusciano sul lenzuolo amplificando le sensazioni.

Lasciarsi andare sulle ginocchia, trovarsi con la lingua tra i testicoli e l’ano, leccare piano risalendo talora lungo l’asta fino al glande, restando talaltra ad assaporare l’intensificarsi del desiderio, l’indurirsi del membro tra le sue dita per poi tornare a racchiuderlo tra le labbra ed accelerare il movimento e godere dell’altrui godere.

Non resisterà a lungo… pensieri, ricordi, desideri ancora da realizzare…
Prende il dildo, lo avvia e lo posiziona in verticale tra le lenzuola, lo cavalca, struscia ancora i capezzoli, geme, ansima… mani dita dildo gorgoglii desiderio…
Orgasmo.

Infine, resta a lungo intrappolata lì
In un luogo non luogo
In un sospiro sospeso
In un respiro ripreso
In un istante infinito
Sorgente e propagazione e traguardo insieme
Intrappolata in quello spazio preciso che si trova
tra l’alta cresta dell’onda dell’orgasmo e la sua risacca

Votalo!


CONDIVIDI
Articolo precedente“L’altro volto della speranza” (2017) di Aki Kaurismaki, una sinfonia di anime
Articolo successivoEnergia alternativa.
Piperita Patty
Sì sono io, quella con le lentiggini e i capelli a spaghetto e il naso a patata e gli abiti sbagliati. Sì sono Piperita Patty, la ragazzina troppo maschiaccio, incapace di uniformarsi alla maggioranza, con un pessimo rapporto con l’autorità costituita, segretamente innamorata di Ciccio che la considera una cara amica. Sono Piperita e di notte veglio ammirando le stelle per questo di giorno dormo con la testa sul banco.Sono qui perché vago per il mondo abitata da parole che non so trattenere: come lacrime un po’ mi rigano il viso e un po’ mi solcano il cuore, ma sanno anche solleticarmi provocando risate. Ho pensato di lasciarne qualcuna qui.

5 COMMENTI

  1. Scritto bene, ma avrei dato punteggio pieno se il tema fosse stato “orgasmo” e basta (…e gli amanti?).

    • Dipende da cosa intendi per “amanti”… Per me amanti sono tutti coloro che si scambiano gesti con il fine di godere e far godere e non mi pare di non averne citati.
      Infine, ma non per ultimo, ognuno di noi è amante di se stesso in quell’atto stupendo che è la masturbazione!
      😃

      • Come diceva Woody Allen… “non condannate la masturbazione. È fare del sesso con qualcuno che stimate veramente!” 🙂 Buon autoerotismo a tutti!

  2. “Sorgente e propagazione e traguardo insieme
    Intrappolata in quello spazio preciso che si trova
    tra l’alta cresta dell’onda dell’orgasmo e la sua risacca”
    Mi piace assai!😉 decisamente un orgasmo!

LASCIA UN COMMENTO