la storia della piccola e coraggiosa Esther 4.67/5 (3)

2
36

era magica quella foresta d’inverno, i fiocchi di neve candidi cadevano leggeri e luminosi come stelle , aveva un nome, il “la foresta dei sospiri” .

un giorno qualunque la fata protettrice, insieme all’orso bianco e il gufo, decise di fare una passeggiata in cerca del diamante della purezza.

il diamante della purezza era un fiore madreperlato a 7 punte che cresceva nel tronco dell’albero detto “il Puro” e serviva alla fata protettrice per traformarsi in ciò che desiderava per nascondersi agli occhi di alcuni umani malvagi.

Nello stesso giorno una bimba, un umana di nome Esther sfuggì al controllo dei genitori , dalla finestra della sua stanzetta aveva visto i fiocchi di neve così invitanti che decise di armarsi di cappello e cappottino per immergersi nella neve,sfiniti i suoi parenti le permisero di restare nei paraggi a giocare ma a patto che non si allontanasse e non si perdesse nella foresta.

nel frattempo nel versante opposto della casetta di Esther un branco di rozzi circensi cacciatori di fate volle inoltrarsi nella foresta , il loro intento era quello di rapire la fata protettrice l’orso e il gufo con annesso diamante della purezza ,per poter creare uno show dove ci sarebbero state trasformazioni magiche ed incassare a loro volta del denaro sulla povera pelle della fata ed i suoi amici.

la fata protettrice ignara di ciò che potesse capitargli decise di non armarsi dei suoi poteri magici quel giorno, voleva sentirsi più “umana” , cammina e cammina incontra i cacciatori armati non solo di cattiveria ma anche di mazze e fucili, l’orso bianco e il gufo non potevano fare nulla perchè erano stati indeboliti dalla strega Perfidia all’istante, la strega accompagnava sempre quel branco di cacciatori di fate , prometteva loro chissà che prodigio
economico per il circo ma la sua mira era il diamante della purezza…

torniamo ad Esther , una bimba piuttosto cocciuta e disobbediente, infatti si allontanò da casa e si avviò per la foresta, attirata da una luce particolare a volte forte e a tratti evanescente, cammina cammina e si trova faccia a faccia con il diamante della purezza incastonato nel tronco dell’albero il Puro, ovviamente poteva lasciarlo lì? ma no , come una gazza ladra lo prende e lo porta via,
mentre sta per tornare a casa la piccola Esther con in mano il diamante , disse tra sè e sè che sarebbe voluta diventare un leone gigante per poter distruggere quell’orribile circo che tormentava animali e umani per tornaconto personale, la bimba ignara che ciò che aveva tra le mani era un potente strumento magico si trasformò di colpo in un leone di proporzioni titaniche bello, bianco e maestoso, un idea le balenò per la testa ed era quello di devastare quel circo degli orrori…
giunta lì strappo tende liberò animali e poveri umani costretti a lavorare come fenomeni da baraccone per quei luridi cacciatori rozzi e senza cuore.

nella foresta mentre i cacciatori stavano per portarsi via fata , l’orso e il gufo sentirono un boato provenire dal circo, beh che dire impauriti e atterriti decisero di scappare , la strega andò via con loro promettendo di tornare a fare i conti con la fata.
quando i cacciatori arrivarono sul luogo notarono con sgomento che
lo scenario era apocalittico, Esther la bimba, leonessa ancora per poco capì subito che
che erano loro la causa del dolore degli animali e di altre creature innocenti e in un sol boccone fece fuori la strega e quel manipolo di malvagi e li sputò giù per il burrone.

dopo pochi minuti Esther ritornò bimba e , la fata le si avvicinò la ringraziò e le chiese di restituirle il diamante, la bimba orgogliosa di aver portato la pace e la tranquillità nei cuori di altre creature restituì il tutto e tornò accompagnata dall’orso a casa sua.

fine.

Votalo!

2 COMMENTI

  1. Credo che il continuo stacco in paragrafi si potesse evitare, ma al di là di questo e altri nei, bado alla sostanza e fondamentalmente la storia mi è piaciuta. La morale poi contro i maltrattamenti sugli animali e gli esseri
    umani è da elogiare

    5/5

    5/5

    5/5

    5/5

    5/5

    • Giuseppe ti ringrazio vivamente e farò tesoro dei tuoi consigli 🙂

      5/5

      5/5

      5/5

      5/5

      5/5

LASCIA UN COMMENTO