Il prezzo del rispetto 4.48/5 (11)

11
110

Questo racconto è uno dei dieci vincitori del contest “Dentro la città”
Prossimamente in ebook!

La Fondazione Rosewater.

Votalo!

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’ARIA CHE FERMA IL TEMPO
Articolo successivoOssessione pericolosa – parte seconda
La classe non è acqua, ma la mia l'ha sempre fatta da tutte le parti. Vorrei vivere per scrivere però alla fine mi ritrovo a scrivere per vivere, inventandomi modi per vendere cose alla gente. Da grande vorrei fare l'uomo adulto, per adesso vivo un'eterna adolescenza.

11 COMMENTI

  1. Salve a tutti.

    Parti del racconto sono state cancellate in fase di pubblicazione per un problema di formattazione.

    Mi scuso per il disagio.

  2. È successo anche a me, devi sostituire le virgolette con i trattini se usi il cellulare. Se contatti la redazione e invii loro il testo modificato, lo ripubblicheranno. Comunque la storia penso di averla capita e mi è piaciuta.

    5/5

    5/5

    5/5

    5/5

    5/5

  3. Urca! L’ho letto tutto d’un fiato: scorrevole e avvincente. Molto bravo davvero!

    4.75/5

    5/5

    5/5

    5/5

    4/5

  4. Davvero molto bello! Scrittura moderna, giovanile, attuale. La storia cattura, il racconto scivola spedito..bravo!

    5/5

    5/5

    5/5

    5/5

    5/5

  5. Grazie mille dei commenti positivi, mi dispiace che il racconto sia “monco” di alcuni pezzi collanti che descrivono meglio il contesto della storia. Appena riuscirò a parlare con la redazione vedrò di sistemare le parti mancanti.

    Grazie ancora!

  6. Graffiante, ribelle. La bella scrittura stempera nell’eccessiva voglia di sporcare il racconto.

    4.25/5

    4/5

    4/5

    4/5

    5/5

  7. Ruvido e crudele.
    Racconto ben scritto, gergo rabbioso, scrittura che graffia.
    “Città” solo sfiorata.
    Comunque efficace. Voti alti, bravo.

  8. Ringrazio vivamente la Redazione per aver inserito le parti mancanti del racconto. Buona lettura a tutti!

  9. ottimo racconto,non ho dato il massimo solo perché lo spazio concesso è poco e non permette di sviluppare completamente il racconto

LASCIA UN COMMENTO