Godiamoci! 5/5 (4)

8
67

Spengo la luce e ascolto il tuo respiro. Sei scivolato dalla veglia al sonno in pochi istanti e sentirti dormire mi emoziona appena un po’ meno che sentirti godere.
Trascorre una manciata di minuti, appena il tempo di pensarle quelle due frasi che ora vado digitando, e il tuo quieto respiro si tramuta in lieve russare e da lì è un crescendo: l’unica via di scampo è rifugiarmi in cucina!
Il frastuono da trattore scarburato mi segue anche qui e mi vien da ridere.
Ti sei sempre preoccupato di non darmi fastidio; soprattutto dopo le prime notti, la mattina mi chiedevi se mi avevi svegliato. Ti ho sempre sinceramente risposto di no. La tua presenza nel mio letto, dopo il sesso, è fin troppo discreta; quella invadente son sempre io, non so smentirmi!
Questa mattina aspettando il tuo arrivo pensavo a come avremmo trascorso i due giorni a disposizione. Invece di immaginare che il tempo, al solito, sarebbe volato, temevo di sentir le ore trascinarsi stanche come anziane doloranti sotto il peso degli anni. Ero inversa, di malumore, e il tuo viso tirato e stanco, il tuo mal di testa non hanno certo migliorato l’atmosfera.
‘Eccoli qui’ – pensavo – ‘i due anziani amanti, se non riescono neppure a fare un po’ di sesso decente, son proprio al capolinea.’
Ti ho proposto di sdraiarti e non te lo sei fatto ripetere due volte. Stravolto, ti sei addormentato.
Un’ora dopo, ti ho sentito muovere e ti ho chiesto come andava. Mi hai risposto che il mal di testa si era un po’ quietato. Mi sono sdraiata vestita sul letto, fuori dal piumone, accanto a te e ti ho detto che era un’altra di quelle dannate giornate in cui aver smesso di fumare si rivela l’idea più idiota che mi sia venuta per la testa.
– Io adesso mi fumerei di tutto!
– Lascia perdere. Prova con il sesso, magari ti aiuta a non pensarci!
Improvvisamente ho dimenticato il malumore, ho scordato di aver pensato che di sesso non avevo voglia, non ricordavo più come mi era venuto in mente che il tempo avrebbe faticato a trascorrere… Non ho neppure pensato ad una sola delle parole scritte nella frase precedente… Niente! La mia mente era vuota, totalmente vuota!
Il mio corpo invece era già partito in quarta: nessuna connessione, massimo della connessione! Quando sono così sto davvero bene! È quando psiche e fisico sono tanto in sintonia da non esser più distinguibili! Quando mi tramuto in una persona in armonia con se stessa!
In un istante ero nuda al tuo fianco! In un istante eravamo un groviglio di piacere! In un istante stavo godendo del sesso migliore almeno delle nostre ultime quattro sessioni!
Una sigaretta sarebbe stata d’impaccio! Ha funzionato!
Poi la cena davanti ad un film e infine a nanna.
– Mi spiace. Se vuoi uscire, non pensare a me – mi hai detto prima di cena.
– Figurati! Non ti preoccupare, riposati. Domani vediamo. Per essere stravolto, non sei andato niente male!
Appena toccato il letto ti sei addormentato; prima ancora ch’io spegnessi la luce.
Ora, mentre digito in cucina, non sento più il tuo russare… allora torno a letto, ti raggiungo. Non ho sonno, però.
Vorrei raccontare una storia. Forse l’ho appena fatto. Potrei rileggere.
Mi chiedo chi sveglierà chi domattina. Mi chiedo chi sveglierà chi e come lo farà! Poi comincio a chiedermi tra quante settimane ci rivedremo e qui mi fermo e pure bruscamente! Tu sei qui ed io anche! Godiamoci!

Votalo!

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’importanza di arieggiare i locali
Articolo successivoL’Isola dei Bruti (Capitoli 1 e 2)
Faccio fatica a stare in equilibrio a sfumare i colori a tracciare una mediana. Sono un'estremista! O mi esalto o mi abbatto. Non mi arrabbio, mi incazzo di bestia e spacco tutto! Non provo affetto, amo con passione! Non faccio conoscenza, stringo rapporti! Per me le cose o sono bianche o sono nere. Non conosco mezze verità mezze misure mezze tinte. Eppure credo nel compromesso, nei punti d'incontro e in quelli di vista. Cerco di cogliere ciò che non mi appartiene. Adoro la diversità e l'omologazione mi uccide. Sono polemica e accomodante in egual misura, dipende da argomento persone momenti... Soprattutto sono sempre me stessa, ma non sono mai la stessa. Per me non è incoerenza, è vita!

8 COMMENTI

  1. Ben vengano i godiamoci ed il sesso anti fumo 🙂 bel racconto

    5/5

    5/5

    5/5

    5/5

    5/5

  2. Davvero ottimo!
    Fossi in te, penserei a inserire questo racconto nella categoria Amore, anziché Eros.
    Fossi in te. 😉
    #tuttelestelline

    5/5

    5/5

    5/5

    5/5

    5/5

  3. grazie a tutti!
    proprio come dici tu Maurizio, ho scritto d’istinto e, come dici tu Anna, con amore, almeno credo possa chiamarsi così quest’emozione

  4. Molto bello, intenso. Godiamoci! Un inno al piacere, fisico e mentale

    5/5

    5/5

    5/5

    5/5

    5/5

  5. La bellezza dietro l’angolo 🙂 belle immagini, ben scritto, un andazzo circolare che ti prende come un vortice

    5/5

    5/5

    5/5

    5/5

    5/5

LASCIA UN COMMENTO