domenica 16 Maggio, 2021

Godiamoci! ...

Spengo la luce e ascolto il tuo respiro. Sei scivolato dalla veglia al sonno in pochi istanti e sentirti dormire mi emoziona appena un po' meno che sentirti godere. Trascorre una manciata di minuti, appena...

AUDACE! ...

Dovevo solo farle mettere una firma sul contratto di polizza che era stato stipulato il giorno prima in ufficio. Non so come era sfuggita , ma ne mancava una sul diritto di recesso da...

Finalmente relax ...

Entra, chiude la porta e vi si appoggia contro di schiena lasciandosi poi scivolare giù, fino a ritrovarsi seduta sul pavimento con le gambe dritte stese davanti a lei, come una di quelle bambole...

Pornopoetica cap 3 – In vena d’amore ...

“Finalmente hanno riparato il cancello automatico!” dico a me stesso pigiandone il telecomando. Percorro il breve vialetto sterrato di Villa dei Lustri e posteggio l’auto davanti al grande tasso che troneggia sulla casa; mi sporgo...

LA COPPETTA DI GELATO E IL FILONCINO DI PANE ...

Rimasero sul tavolo della cucina tutta la notte. Lei si sciolse. Lui s’indurì

L’ascensore -

Entro nel palazzo con valigetta e borsa dei documenti per l’avvocato. Che orrore questi condomini moderni: citofoni, porte automatiche, vetrate, marmi, fiori artificiali.Arrivo all’ascensore che è occupato. Premo più volte il pulsante. Niente, l’ascensore...

LA SIGNORINA HANDICAPPATA ...

Giorno di Febbraio, tetro, freddo e piovoso. Per consegnare i dattiloscritti da tradurre vado dalla Signora Julia. La signora abita al quinto piano di un grosso condominio. È separata da alcuni anni e vive...

E finalmente svengo -

Mi sveglio l'attimo prima che una scudisciata mi strappi via la pelle dal culo. Un urlo soffocato mi esce dalle labbra. Ho qualcosa in bocca, forse uno straccio, sento l'odore forte del cloroformio. Sono...

Messaggio vocale ...

bibibip Non posso non pensarti, non posso non pensare al tuo cazzo e più ci penso, più lo desidero, più mi si accende la brama di te. Camminavo tra i campi e guardavo alberi sentieri foglie...

Viaggio di una notte ...

Ti spiego un istante.Mi chiedi stai bene. Fallo lentamente. Annoda le parole alle mie dita lunghe, stringi i miei polsi e guarda le gambe sottili. Son ferme a riposare, reduci da corse già concluse. Fredde,...